Intervista “Nexus”

 

Intervista apparsa sul sito web della rivista Nexus

www.nexusedizioni.it

Intervista a cura della dott.ssa Lea Glarey (coordinatrice Nexus)

Abbiamo intervistato il dott. Raul Vergini che, da oltre 20 anni, si occupa di omeopatia, medicina naturale, integrazione nutrizionale ed anti-aging. Negli ultimi anni si è interessato alla bioendocrinologia, cioè al riequilibrio ormonale mediante l’uso di dosi fisiologiche di ormoni bio-identici. Tra le sue pubblicazioni, tradotte in varie lingue, citiamo Curarsi con il magnesio, Ipotiroidismo (un’emergenza ignorata).

Le statistiche mediche “ufficiali” ci parlano di un 5% di popolazione affetta da ipotiroidismo mentre alcuni medici, fra cui lei, sostengono che più del 50% della popolazione ne soffra. Perché c’è una forte discrepanza tra i dati da voi forniti rispetto a quelli correnti della letteratura medica? Il 50% è una percentuale che fa paura. Uno su due! Come siete arrivati ad accertare che l’ipotiroidismo sia una malattia che colpisce più del 50% delle persone?

Questo valore non è frutto di una mia statistica personale, anche se i dati dei miei pazienti negli anni me lo hanno confermato, ma è basato su quello che vari studiosi (soprattutto americani ma non solo) del problema ipotiroidismo hanno appurato nel corso degli ultimi 90 anni. Tutti questi medici avevano ed hanno in comune un modo diverso di affrontare l’ipotiroidismo rispetto alla cosiddetta medicina tradizionale. Volendo sintetizzare per la diagnosi non ci si basa solo sugli esami di laboratorio ma soprattutto sulla clinica (segni e sintomi del paziente), sul test di Barnes della temperatura corporea basale e sull’effettivo miglioramento dei pazienti una volta intrapresa una terapia tiroidea (prevalentemente tiroide secca).

Questi medici, già nei primi decenni del ’900, attribuivano all’ipotiroidismo una percentuale che era fra il 10 e il 20%; percentuale che venne innalzata dal Dott. Barnes negli anni ’40 al 40%, il quale predisse che avrebbe superato ben presto il 50%; negli anni ’80 il Dott. Jacques Hertoghe in Belgio affermò che nella popolazione belga l’ipotiroidismo possa superare addirittura l’80%! Quindi la maggioranza della popolazione generale potrebbe soffrire di un qualche grado di ridotta funzionalità tiroidea.

Chiaramente, se per arrivare ad una diagnosi di questo tipo ci si basa solo sugli esami del sangue (ed in particolare sul solo TSH, cosa che oggigiorno costituisce lo standard per la diagnosi) le percentuali saranno molto più basse, attorno al 5-7% appunto, ma abbiamo modo di ritenere (e ne parleremo diffusamente al convegno) che il TSH non sia un parametro affidabile per diagnosticare l’ipotiroidismo, e che la stragrande maggioranza dei casi sfugga a questo tipo di rilevazione.

Ma quali sono le ragioni di questo aumento vertiginoso di malati di tiroide?

La prima ragione è che un secolo fa i bambini ipotiroidei, e per questo con un sistema immunitario più debole, spesso morivano in età infantile perché non c’erano farmaci in grado di curarli, specie dalle malattie infettive. In questo modo essi non vivevano abbastanza a lungo da poter trasmettere ai discendenti i loro geni “difettosi”, cioè questa tendenza all’ipotiroidismo.

Oggi invece, i progressi della medicina consentono la sopravvivenza di quasi tutti bambini e quindi facilitano la possibilità che questi trasmettano ai loro figli questa predisposizione.

Inoltre capita spesso che le persone con una tiroide insufficiente siano attratte da partner con lo stesso problema (sia perché la loro scarsa energia li obbliga a condurre più o meno lo stesso tipo di vita e sia perché chi è posato, lento e con uno scarso tono dell’umore difficilmente sceglierà un partner che sia l’esatto contrario).

Un’altra ragione è l’ambiente in cui oggi viviamo dove inquinanti, sostanze tossiche, metalli pesanti ed altro attaccano la nostra tiroide danneggiandola e riducendone il funzionamento. Molto importante è poi anche la carenza di iodio nella nostra dieta moderna e la presenza nell’ambiente di alogeni tossici quali il cloro, il bromo e il fluoro che oltre a possedere una loro specifica tossicità accentuano la carenza di iodio poiché competono per gli stessi recettori.

Infine, ultimo ma non meno importante, come già accennato sopra, il problema della corretta diagnosi che viene effettuata assai di rado. Questo succede sia perché il medico non ha più dimestichezza col variegato quadro clinico dell’ipotiroidismo ma soprattutto perché, anche quando lo sospettasse, spesso non avrà conferma dagli esami di laboratorio, per cui tenderà a diagnosticare altre patologie (come la fibromialgia o la depressione) od a imputare i sintomi del paziente all’età, all’ipocondria, all’ansia, ecc.

Siccome è noto che nella quasi totalità l’ipotiroidismo è su base autoimmune (tiroidite di Hashimoto), in che misura l’aumento della diagnosi di tiroidismo è anche collegare alla scoperta alcuni anticorpi contro la tiroide? E in che misura l’aumento delle capacità diagnostiche influisce su questo dato?

In parte potrebbe esserlo, ma nella pratica la scoperta degli anticorpi incide ben poco sulla diagnosi di ipotiroidismo. Mi spiego meglio. Al giorno d’oggi la tiroidite di Hashimoto è verosimilmente la prima causa di ipotiroidismo acquisito, ma questa non incide molto sulla frequenza ufficialmente riconosciuta dell’ipotiroidismo perché il medico, o l’endocrinologo, non dichiara comunque un paziente ipotiroideo finché il suo TSH non supera i livelli “normali” del laboratorio, tanto che molto spesso il paziente con valori ancora nei range, benché affetto da Hashimoto e magari già con sintomi evidenti, viene invitato ad aspettare finché gli esami non confermeranno che è arrivato allo stadio dell’ipotiroidismo ed a quel punto verrà trattato con la tiroxina.

Si sa che la patologia tiroidea su base autoimmune esprime un conflitto:

a) contro sé stessi (come tutte le autoimmuni)

b) un conflitto dove non si riesce a mandare giù una certa situazione.

Prova ne è il fatto che una patologia è molto più femminile che maschile, proprio perché per tradizioni culturali la donna è costretta “a mandar giù” molto più dell’uomo.

Sicuramente un conflitto emotivo può essere alla base di svariate patologie croniche come pure di una tiroidite autoimmune, a questo proposito ci sono svariate teorie che legano specifici conflitti e problemi emotivi e specifiche patologie. Io non mi esprimo né pro né contro queste impostazioni e ritengo che il conflitto emotivo a volte sia una parte in causa importante nella genesi di questa o altre patologie, mentre altre volte le cause possono essere diverse.

Per farla breve, l’ipotiroidismo è una insufficienza relativa del funzionamento della tiroide, per cui nel sangue vi è meno tiroxina. La terapia più diffusa consiste nel somministrare la tiroxina sintetica. Ma si può guarire dall’ipotiroidismo e dalla tiroidite di Hashimoto? Ossia la tiroide può riprendere a funzionare senza l’ausilio della tiroxina sintetica?

Le cose non stanno esattamente così. In caso di ipotiroidismo nel sangue non vi è solo meno tiroxina, perché la tiroide produce 4 ormoni, T1, T2, T3 e T4 (che è appunto la tiroxina). Ma l’ormone attivo è il T3, il T4 è solo un precursore e non ha praticamente alcuna attività metabolica se non viene trasformato in T3. La tiroxina sintetica è l’approccio più sbagliato per compensare una tiroide insufficiente, semplicemente perché spesso non funziona, perché non viene adeguatamente trasformata in T3. Nella mia esperienza solo 1 paziente su 10-15 sta veramente bene con la tiroxina, ed in quel caso naturalmente può continuare ad utilizzarla. In tutti gli altri casi il paziente sta o come stava prima di prenderla, o leggermente meglio (ma restano sintomi di ipotiroidismo), o qualcuno sta addirittura peggio di prima.

In caso in cui sia necessario somministrare ormoni tiroidei la soluzione migliore e più efficace resta sempre la “vecchia” tiroide secca di origine suina, che è stata l’unica terapia disponibile per l’ipotiroidismo per quasi un secolo, dalla fine dell’800 agli anni ’70 del ’900 (quando si è diffusa la tiroxina sintetica) ed ha sempre svolto egregiamente la sua funzione, restituendo la salute alla stragrande maggioranza dei pazienti che la assumevano, e questo è vero ancora oggi come noi possiamo verificare ogni giorno.

Riguardo alla possibilità di “guarigione” dall’ipotiroidismo senza l’uso di ormoni devo dire che nei casi di ipotiroidismo non autoimmune a volte si possono avere ottimi risultati nutrendo e stimolando la ghiandola con terapie naturali e questa può riuscire a “rimettersi in moto” senza aver bisogno di ormoni. Se invece siamo di fronte ad un caso di ipotiroidismo autoimmune (tiroidite di Hashimoto), con un’alterazione (e quindi un danno organico) al tessuto della ghiandola già presente, una guarigione, nel senso di tornare a funzionare come prima, purtroppo non è più possibile. Il tessuto tiroideo attaccato dagli anticorpi subisce una trasformazione di tipo quasi cicatriziale, la ghiandola si riduce di dimensioni, si presenta fibrosa e non è più in grado di produrre ormoni come prima. In questi casi si può ancora restituire al paziente una vita perfettamente normale, piena di vitalità ed energia e senza i sintomi dell’ipotiroidismo, ma questo si può fare solo fornendo all’organismo dall’esterno quella quantità di ormoni che la sua ghiandola non è più in grado di produrre. Naturalmente, anche qui saranno utili approcci complementari di tipo naturale, nutrizionale, supplementi ecc., ma il cardine della terapia in questi casi restano gli ormoni tiroidei (preferibilmente la tiroide secca).

 

DISCLAIMER: Questo sito intende fornire informazione ed educazione. Non intende offrire consigli medici e le informazioni qui contenute non possono sostituirsi ad un consulto personalizzato effettuato da un medico qualificato. Il lettore dovrebbe consultare regolarmente un medico a proposito della propria salute, soprattutto riguardo a sintomi che possano richiedere diagnosi e/o trattamento. L'autore non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi conseguenza che possa derivare da qualsiasi trattamento, procedura, azione, modifica dello stato di salute o applicazione di qualsiasi metodo da parte di qualsiasi persona che legga o segua le informazioni contenute in questo sito web. L’autore non può garantire che le informazioni e i consigli contenuti in questo sito web siano adatti o sicuri per ogni persona. Prima di intraprendere un qualsiasi tipo di trattamento o di modificare un trattamento già in atto, l’autore raccomanda che la persona si consulti con un medico esperto e di sua fiducia. Ogni sforzo è stato fatto per garantire che le informazioni qui contenute siano il più complete ed accurate possibile, oltre che aggiornate. Ci potrebbero comunque essere errori sia tipografici che di contenuto ed inoltre, poiché la ricerca medica è continua, una parte del materiale qui contenuto potrebbe essere invalidato da nuove scoperte. Quindi queste informazioni dovrebbero essere usate soltanto come guida, e non come la fonte definitiva di informazioni sulle patologie a cui qui si fa cenno. Per tutti questi motivi l’autore declina ogni responsabilità per qualsiasi conseguenza, danno o perdita che possano essere causate dal contenuto di questo sito web.

per appuntamenti chiamare il n°

380-28.73.224

nei seguenti orari:

lunedì: 10-13  martedì: 16-19  mercoledì: 9-13  

giovedì: 14-18   venerdì: 9-13   sabato: 9-12 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi