Login

La visita || informazioni

IMPORTANTE: per chiarire dubbi, evitare malintesi, fraintendimenti e false aspettative ci tengo a sottolineare che pur essendo un medico (laureato in medicina e chirurgia) non sono un endocrinologo in quanto non ho una specialità in endocrinologia. Se avete necessità che il medico a cui vi rivolgete abbia questa specialità purtroppo io non posso esservi di aiuto.

Inoltre tengo a precisare che io non mi occupo di controllo del peso, non faccio terapie dimagranti né prescrivo diete a questo scopo ma miro a ristabilire un buon equilibrio ormonale tiroideo, questo a volte si accompagna ad una perdita di peso che può anche essere notevole ma altre volte no. Se il vostro unico problema è il peso non sono quindi la persona più adatta per aiutarvi in questo.

————————————————————————

Le visite si effettuano solo su appuntamento. Durante la visita NON viene effettuata l’ecografia. E’ più rapido e preferibile fissare gli appuntamenti via telefono chiamando il 380-28.73.224. Le visite prenotate via email NON sono da considerarsi confermate finchè non avrete ricevuto una email di conferma di data e ora. Se questa non arriva potrebbe esserci stato un problema con la posta per cui si prega di rimandare l’email altrimenti dopo qualche giorno io cancello e riassegno l’appuntamento.

Per rispetto verso i numerosi pazienti che attendono anche diversi mesi per la visita oltre che per una semplice questione di educazione, si rende noto che chi non si presenta ad un appuntamento senza averlo disdetto in precedenza (impedendo quindi ad altri di poterli sostituire) non potrà più avere altri appuntamenti. 

Una prima visita di controllo viene richiesta dopo circa 6 mesi dalla prima visita. Le visite successive alla seconda, in assenza di particolari problemi, verranno effettuate ad intervalli più lunghi e in caso di una buona risposta alla terapia è sufficiente vedersi circa una volta all’anno. Naturalmente se nel frattempo apparissero problemi è necessario rivedersi prima della scadenza annuale. Continuare ad effettuare regolari controlli (ogni anno/anno e mezzo al massimo) è condizione essenziale per continuare ad essere seguiti da me, anche perchè non mi è possibile effettuare consulenze online (oltretutto non consentite dall’ordine dei medici).

E’ molto importante capire che i primi mesi di terapia sono fondamentali per poter ottenere i migliori risultati dal trattamento. E’ in questo periodo infatti che vengono effettuate le opportune modifiche alla terapia e viene personalizzato il dosaggio degli ormoni tiroidei eventualmente assunti.

Poichè l’esperienza ha dimostrato che un certo numero di pazienti non segue correttamente le indicazioni ricevute durante la visita (anche se scritte) compromettendo in questo modo il buon esito della terapia stessa, è assolutamente fondamentale, e nell’interesse del paziente stesso, che una visita di controllo sia effettuata entro alcuni mesi dalla prima visita cosicchè la terapia possa essere intrapresa e poi seguita nel modo corretto.

Capita troppo spesso che pazienti si rifacciano vivi solo dopo parecchi mesi, magari inviando una serie di analisi appena rifatte (e molto spesso senza dare alcuna indicazione su quale sia il loro stato di salute e benessere in quel momento) chiedendo un commento sugli esami stessi ed indicazioni su come “proseguire la cura”, richiesta a cui è pressochè impossibile rispondere correttamente in mancanza di informazioni precise (soprattutto cliniche) e senza sapere se la terapia è stata effettivamente seguita nel modo corretto.

Per tutte queste ragioni, eccetto casi particolari, si avverte che NON verrà data risposta alle eventuali email di pazienti che hanno effettuato la prima visita da oltre 6 mesi senza aver mai effettuato alcuna visita di controllo o che non effettuano controlli da anni.

Si ricorda che l’uso della email dovrebbe essere riservato a comunicazioni veloci quali ad esempio la richiesta di informazioni da parte di potenziali nuovi pazienti, conferma o cancellazione di un appuntamemto, piccoli dubbi sulla terapia in corso, l’aggiustamento di un dosaggio o la comunicazione di esami aggiornati (quando da me richiesti). Problematiche più serie e complesse, come casi che non rispondono alla terapia in atto, rendono necessario un nuovo appuntamento in studio per poterli rivalutare e discutere di persona. Una email non può in nessun caso sostituire una visita medica.

Inoltre quando si inviano per email gli esiti di esami di laboratorio effettuati successivamente ad una visita si devono SEMPRE allegare informazioni sulla situazione attuale dei sintomi ed indicare eventuali variazioni positive o negative rispetto alla situazione precedente, cosa indispensabile per poter valutare correttamente gli esami stessi. Purtroppo siamo stati abituati a considerare gli esami di laboratorio come lo specchio più fedele ed attendibile del nostro stato di salute, ma proprio per questo non ci stancheremo mai di ripetere che nel caso specifico dell’ipotiroidismo questi sono MOLTO meno importanti dei sintomi clinici, e non possono assolutamente sostituirli nella valutazione dello stato di un paziente. Inoltre si devono SEMPRE indicare NOME e COGNOME completi in ogni email che viene inviata, specie nei casi (assai frequenti) in cui l’intestazione della email abbia nomi o sigle di fantasia, in quanto la mancanza di questo dato rende assai difficile l’identificazione corretta del paziente.

Non scrivere su WhatsApp, lo guardo di rado ed è quindi possibile che non riceviate alcuna risposta, usare sempre l’email come mezzo di comunicazione.

Per la prima visita è consigliabile avere gli esami di laboratorio elencati di seguito, se possibile non più vecchi di 6 mesi. Gli anticorpi (TPOAb eTgAb) se positivi sono accettabili anche se vecchi, chi non ha più la tiroide può evitare di farli. Inoltre è consigliabile avere comunque un pannello di esami generali abbastanza recenti che includano emocromo, assetto lipidico, epatico, renale ecc. (i classici esami standard):

  1. TSH
  2. FT3
  3. FT4
  4. TPOAb (anticorpi anti TPO)
  5. TgAb (anticorpi anti-tireoglobulina)
  6. Ferritina
  7. Sideremia (ferro)
  8. 25(OH)D (vitamina D)
  9. Vitamina B12
  10. Paratormone (PTH)
  11. Prolattina
  12. Cortisolo
  13. EBV IgG (anticorpi IgG anti virus Epstein-Barr)
  14. DHEA-S (se avete più di 35 anni)

E’ bene inoltre annotare la temperatura corporea basale secondo Barnes come indicato qui e portare ogni altra documentazione (ecografie ecc) che possa essere rilevante ed utile.

In caso di donne con problemi legati al ciclo mestruale, alla menopausa, alle ovaie, all’utero, al seno è preferibile aggiungere anche i seguenti esami (possibilmente eseguiti attorno al 21° giorno del ciclo nelle donne in età fertile), il semplice fatto di essere in menopausa (senza particolari disturbi collegati) non richiede l’esecuzione di questi esami:

  1. Estradiolo
  2. Progesterone
  3. Testosterone totale
  4. Testosterone libero
  5. Delta-4-Androstenedione (D4A)
  6. FSH/LH
Switch to Desktop Version

EMAIL  ISCRIZIONE  NEWSLETTER NON RICEVUTA?

a partire da inizio novembre ho inviato ai miei pazienti una email di presentazione della mia nuova Newsletter, chi non l’avesse ricevuta ed è interessato ad iscriversi dovrebbe verificare che non sia finita nella casella “spam/posta indesiderata”, nel caso fosse così una volta effettuata l’iscrizione l’email andrebbe etichettata come “non spam” per evitare che in futuro la Newsletter vera e propria faccia la stessa fine. E’ bene anche assicurarsi che l’indirizzo da cui viene inviata (newsletter@…) sia in whitelist e/o sia aggiunto alla vostra rubrica. Vi ricordo che è possibile iscriversi alla Newsletter anche da questo sito utilizzando il pulsante rosso presente in ogni pagina sopra il menù. Grazie.

Dott. Raul Vergini




PER  APPUNTAMENTI CHIAMARE IL 380-28.73.224